Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Scritta nel 1925 da Mario Cappello in collaborazione con Attilio Margutti, è diventata simbolo della cultura musicale ligure, in quegli anni dagli antichi “trallallero” nasceva la ....

Vorrei ricordare a chi già lo sa o dire a chi ancora non lo sa un paio di cosette sulla canzone simbolo della Genovesità: “Ma se ghe penso”, conosciuta a memoria da ogni genovese autoctono o no.

Ma se ghe penso (Ma se ci penso) è una storica canzone in Lingua genovese. Scritta nel 1925 da Mario Cappello in collaborazione con Attilio Margutti, è diventata simbolo della cultura musicale ligure, in quegli anni dagli antichi “trallallero” nasceva la canzone dialettale genovese che avrebbe dato origine, qualche decennio dopo, alla scuola dei cantautori genovesi. Interpretata per la prima volta dal soprano Luisa Rondolotti ha avuto una popolarità inimmaginabile tanto che nel corso degli anni è stata eseguita da artisti del calibro di Mina, Bruno Lauzi, Gilberto Govi, Ricchi e Poveri, I Trilli, Antonella Ruggiero, Vittorio De Scalzi, Massimo Ranieri con Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu e molti altri.

La canzone racconta la nostalgia di un genovese dei primi del 900 emigrato in Sud America che decide di ritornare nonostante il figlio preferisca restare nella terra in cui è ormai ambentato. Questa canzone descrive perfettamente l’attaccamento del Genovese alla sua terra, concetto ripreso anche da altri cantautori come il grande Fabrizio De Andrè.

Spero che vi abbia fatto piacere leggere queste poche righe e a buon peso vi metto anche il testo con traduzione (per i foresti)

« O l'ëa partîo sensa 'na palanca,

l'ëa zà trent'anni, forse anche ciû.

Ô l'aiva lottòu pe mette i dinæ a-a banca

e poèisene ancon ûn giorno turnâ in zû

e fâse a palassinn-a e o giardinetto,

co-o rampicante, co-a cantinn-a e o vin,

a branda attaccâa a-i ærboi, a ûso letto,

pe dâghe 'na schenâa seja e mattin.

Ma o figgio ô ghe dixeiva: "No ghe pensâ

a Zena cöse ti ghe vêu tornâ?!"

 

Ma se ghe penso allôa mi veddo o mâ,

veddo i mæ monti e a ciassa da Nûnsiâ,

riveddo o Righi e me s'astrenze o chêu,

veddo a lanterna, a cava, lazû o mêu...

Riveddo a-a seja Zena inlûminâa,

veddo là a Fôxe e sento franze o mâ

e allôa mi penso ancon de ritornâ

a pösâ e össe dove'hò mæ madonnâa.

 

O l'ëa passòu do tempo, forse tróppo,

o figgio o l'inscisteiva: "Stemmo ben,

dove ti vêu anâ, papà?.. pensiemmo dóppo;

o viaggio, o mâ, t'é vëgio, no conven!"

"Oh no, oh no! mi me sento ancon in gamba,

son stanco e no ne pòsso pròppio ciû,

son stûffo de sentî: señor, caramba,

mi vêuggio ritornâmene ancon in zû...

Ti t'é nasciûo e t'hæ parlòu spagnòllo,

mi son nasciûo zeneise e... no ghe mòllo!"

 

Ma se ghe penso allôa mi veddo o mâ,

veddo i mæ monti e a ciassa da Nûnsiâ,

riveddo o Righi e me s'astrenze o chêu,

veddo a lanterna, a cava, lazû o mêu...

Riveddo a-a seja Zena inlûminâa,

veddo là a Fôxe e sento franze o mâ

e allôa mi penso ancon de ritornâ

a pösâ e osse dove'hò mæ madonnâa.

 

E sensa tante cöse o l'è partîo

e a Zena o g'ha formòu torna o sêu nîo. »

« Era partito senza un soldo,

erano già trent'anni, forse anche più.

Aveva lottato per mettere i soldi in banca

e potersene un giorno tornare ancora giù

e farsi la palazzina e il giardinetto,

con il rampicante, con la cantina e il vino,

la branda attaccata agli alberi a uso letto,

per coricarcisi sera e mattina.

Ma il figlio gli diceva: "Non ci pensare

a Genova cosa [perché] ci vuoi tornare?!"

 

Ma se ci penso allora io vedo il mare,

vedo i miei monti e piazza della Nunziata,

rivedo il Righi e mi si stringe il cuore,

vedo la Lanterna, la cava, laggiù il molo...

Rivedo la sera Genova illuminata,

vedo là la Foce e sento frangere il mare

e allora io penso ancora di ritornare

a posare le ossa dove è mia nonna.

 

Ed era passato del tempo, forse troppo,

il figlio insisteva: "Stiamo bene,

dove vuoi andare, papà?..[ci] penseremo dopo;

il viaggio, il mare, sei vecchio, non conviene!"

"Oh no, oh no! mi sento ancora in gamba,

sono stanco e non ne posso proprio più,

sono stufo di sentire: señor, carramba,

io voglio ritornarmene ancora in giù...

Tu sei nato [qui] e hai parlato spagnolo,

io sono nato genovese e... non ci mollo!"

 

Ma se ci penso allora io vedo il mare,

vedo i miei monti e piazza della Nunziata,

rivedo Righi e mi si stringe il cuore,

vedo la Lanterna, la cava, laggiù il molo...

Rivedo la sera Genova illuminata,

vedo là la Foce e sento frangere il mare,

e allora io penso ancora di ritornare

a posare le ossa dove sono i miei avi.

 

E senza tanti indugi è partito

e a Genova ha formato di nuovo il suo nido. »