Italian Italiano

Strade e piazze

Foto di Stefano Eloggi

Le strade di Genova

 

"...mi trovo ora in una bella città, una vera bella città: Genova. Si cammina sul marmo, tutto è marmo: scale, balconi, palazzi. I suoi palazzi si susseguono fitti; passando per le vie, si scorgono grandi soffitti patrizi tutti dipinti e dorati."

Gustave Flaubert

Il Comune di Genova
L'attuale centro storico di Genova coincide con la città medievale costruita dentro le mura del 1154, più il sobborgo di ponente dove era l'Arsenale, lungo la più importante strada per l'Italia settentrionale e l'Europa. Isolati, strade, piazzette e carruggi rispecchiano quindi la città pianificata e costruita tra il 1130 e il Trecento.

Le strade più grandi e alcune piazze sono state costruite o allargate con demolizioni tra il Cinquecento e il Seicento (Via Garibaldi, Via Balbi, etc..) e nell'Ottocento (Via San Lorenzo, Via Cairoli, Via XXV Aprile, Via Gramsci, Piazza San Lorenzo, Piazza Matteotti, Piazza Fontane Marose). Non è mai esistita una gran piazza centrale, con gli edifici del potere civile e religioso, ma piccole piazze consortili delle famiglie più potenti e dei mercati specializzati.

Strade e Piazze>>>

La strada, parallela all’elegante via Garibaldi, è il tracciato della strada romana che collegava levante a ponente fuori dalla cinta muraria più antica.

Via della Maddalena

La strada, parallela all’elegante Via Garibaldi, è costruita sull’antico tracciato della strada romana che collegava levante a ponente passando all'esterno della cinta muraria più antica, adesso attraverso il quartiere della Maddalena.

Boccadasse, con le case dalle tinte pastello, addossate le une alle altre e strette attorno alla piccola baia, si è conservato pressoché immutato nel tempo

Boccadasse Genova

Il borgo di Boccadasse, con le sue case dalle tinte pastello, addossate le une alle altre e strette attorno ad una piccola baia, anche se ormai circondato dal contesto cittadino, si è conservato pressoché immutato nel tempo, come lo si sarebbe potuto vedere uno o due secoli fa, circostanza che ne ha fatto una delle più note attrattive turistiche genovesi.

La

Campopisano

Purtroppo, a causa di un regolamento nazionale sulla toponomastica, dal 12 settembre 2016 Campopisano, come Campetto, diventa Piazza ma non è difficile immaginare che per molti genovesi resterà sempre e solo Campopisano e tanto per rinfrescarci la memoria ne ripercorriamo brevemente la storia.

La piazza, intitolata a R. De Ferrari, politico e banchiere, ha forma irregolare e occupa una superficie complessiva di circa 11.000 m² in pieno centro.

Piazza De Ferrari

È la principale piazza di Genova. Situata nel pieno centro della città, presso l'antico sestiere di Portoria, ne rappresenta il fulcro commerciale, finanziario ed economico, oltre ad essere principale punto di riferimento in occasione degli eventi più importanti della vita cittadina.

Via Prè è caratterizzata da case medioevali, addossate l'una all'altra e percorre parallelamente al mare il tratto che va da Porta dei Vacca alla Commenda 

Via Prè

Via Prè è caratterizzata da case medievali, addossate l'una all'altra, nel corso dei secoli sopraelevate dai tre o quattro piani originali fino a sette, causando anche problemi di staticità degli edifici. La strada percorre parallelamente al mare il tratto che va da Porta dei Vacca a Piazza della Commenda, tra un edificio e l'altro si aprono i caratteristici caruggi, che collegano via Prè con via Gramsci, a mare, e con Via Balbi, a monte. Questa via fu, fino all’apertura di Via Balbi, l’unica via di uscita dalla città verso ponente.

Belvedere Montaldo

Il Belvedere Montaldo è sicuramente uno dei luoghi più suggestivi della città, un punto di osservazione unico da cui godere di un panorama favoloso sul Centro Storico e il porto. È bene precisare che il Belvedere è solo una parte dell'altrettanto nota Spianata Castelletto, la zona pianeggiante delimitata a Nord da piazza Goffredo Villa.

Nel IX secolo, fuori dalle mura, c’era un campo coltivato un “campetto”. Solo con la costruzione delle mura del Barbarossa entrò a far parte della città

Campetto

Nel IX secolo, appena fuori dalle mura cittadine, c’era un piccolo campo coltivato un “campetto”. E’ solo con la costruzione delle mura del Barbarossa che quella zona entrò nella cerchia cittadina per diventarne un importante polo commerciale, con botteghe di fabbri, orefici, artigiani, pittori etc... ed al centro di questa fiorente vita economica c’era proprio quel “campetto” che per tutti era oramai “Campetto” per rimanerlo fino ad oggi.

Foto di Francesco Gragnoli 

Via San Luca

Questa antica via, che prende il nome dall'omonima chiesa di San Luca, ha origini molto antiche. Il "carrubeus major" infatti, rappresentò per secoli l'unica via di comunicazione verso il Ponente.

Via degli Orefici

Nel quartiere Molo, è la strada che unisce Piazza Banchi e Campetto. È una delle vie principali del centro storico di Genova e, grazie ai molti negozi e bistrot presenti, anche una delle più frequentate da genovesi e turisti. Come buona parte delle strade di Genova, anche Via degli Orefici, prende il nome dall’attività che un tempo era prevalentemente esercitata nella strada stessa.

Free Joomla! templates by Engine Templates

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.