Stampa
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Mercato Orientale

Mercato orientale

Correva l’anno 1684 quando, in una Genova profondamente diversa da quella che conosciamo, ebbe inizio la costruzione della Chiesa della Consolazione e dell’annesso convento, il convento non fu mai terminato e la struttura venne utilizzata per ospitare piccole botteghe artigiane.

Ma gli anni passano e nella seconda metà dell’ottocento Genova ha bisogno di crescere e quella che diventerà la principale strada della città, Via XX Settembre, viene costruita proprio nell’area antistante al convento ed il mercato di Piazza De Ferrari, eh già in Piazza De Ferrari prima della fontana c’era il mercato, inizia ad essere un ostacolo per il crescente traffico cittadino. Al mercato non si può rinunciare e allora? Le lungimiranti autorità dell’epoca individuano presto nell’area dell’incompiuto convento la collocazione più adatta e, su progetto dell'ingegner Veroggio, il nuovo mercato verrà costruito riadattando l’antico chiostro e la prima domenica di maggio del 1899 il mercato orientale verrà inaugurato.

Da allora molte generazioni di commercianti hanno animato quello che ancora oggi è il mercato più importante della città, frequentato quotidianamente da genovesi in cerca di affari e da turisti incuriositi da questo particolare spazio nel cuore di Genova

Ah dimenticavo, il mercato deve il nome alla vicinanza con Porta Pila che allora era la porta orientale della città.

 

 

contentmap_plugin

Visite: 2657

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.