Italian Italiano

Strade e piazze

Foto di Stefano Eloggi

Le strade di Genova

 

"...mi trovo ora in una bella città, una vera bella città: Genova. Si cammina sul marmo, tutto è marmo: scale, balconi, palazzi. I suoi palazzi si susseguono fitti; passando per le vie, si scorgono grandi soffitti patrizi tutti dipinti e dorati."

Gustave Flaubert

Il Comune di Genova
L'attuale centro storico di Genova coincide con la città medievale costruita dentro le mura del 1154, più il sobborgo di ponente dove era l'Arsenale, lungo la più importante strada per l'Italia settentrionale e l'Europa. Isolati, strade, piazzette e carruggi rispecchiano quindi la città pianificata e costruita tra il 1130 e il Trecento.

Le strade più grandi e alcune piazze sono state costruite o allargate con demolizioni tra il Cinquecento e il Seicento (Via Garibaldi, Via Balbi, etc..) e nell'Ottocento (Via San Lorenzo, Via Cairoli, Via XXV Aprile, Via Gramsci, Piazza San Lorenzo, Piazza Matteotti, Piazza Fontane Marose). Non è mai esistita una gran piazza centrale, con gli edifici del potere civile e religioso, ma piccole piazze consortili delle famiglie più potenti e dei mercati specializzati.

Strade e Piazze>>>

Dopo aver completato quel capolavoro del centro di Genova che è “Strada Nuova”, attuale Via Garibaldi, si rese necessario migliorarne......
Cartolina antica di via Cairoli Genova

 Via Cairoli

Dopo aver completato quel capolavoro del centro di Genova che è “Strada Nuova”, attuale Via Garibaldi, si rese necessario migliorarne i collegamenti verso ponente, sopratutto con la seicentesca Via Balbi, evitando il fitto dedalo dei caruggi. Il progetto fù affidato all’architetto Gregorio Petondi che, sfruttando un terreno prevalentemente occupato da case popolari, progettò la “Strada Nuovissima”.

Foto di Paola Spinola

Via Luccoli

L'etimologia del nome "Luccoli" deriva dal Latino "luculus", piccolo bosco sacro. Molti secoli fa infatti, questa via non era altro che un viottolo di campagna che, partendo da Soziglia, si inerpicava lungo le pendici di una collina boscosa, fino a raggiungere la porta dell'Acquasola, posta in corrispondenza dell'attuale piazza Corvetto.

Foto di Paola Spinola

Via di Scurreria

Se non se ne conoscono le origini, via di Scurreria potrebbe sembrare una strada come tante, magari giusto un po' più larga e regolare. In realtà ha una storia particolare che la contraddistingue.

 Foto di Paola Spinola

Piazza dell'Agnello e piazza Pinelli

Pur rimanendo un po' escluse dai tradizionali itinerari turistici, piazza dell'Agnello e piazza Pinelli sono fra gli ambienti più suggestivi del centro storico di Genova.

Collocate fra la Ripa Maris e via San Luca, anticamente l'unica via di transito verso il Ponente, hanno origine molto antica.

Foto di Paola Spinola

Piazza San Matteo

Quella di San Matteo è una delle piazze più caratteristiche e suggestive del centro storico di Genova. Essa sorge attorno all'omonima chiesa, fondata da Martino D'Oria nel 1125, a poca distanza dall'ormai scomparsa porta di Serravalle. Questo antico accesso alla "civitas" faceva parte delle mura Carolinge, erette nel IX secolo, e si trovava approssimativamente all'incrocio fra le attuali via Tommaso Reggio e salita dell'Arcivescovado.

Foto di Paola Spinola

Piazza San Giorgio

La piccola piazza San Giorgio era, in epoca lontanissima, l'antico Foro, collocato al margine della città romana costruita nel III secolo a.C.. Posta a poca distanza dal Mandraccio,

Foto di Paola Spinola 

Dalla Genua romana al Medioevo

La parte di centro storico compresa fra via di Canneto il Lungo, porta Soprana, la collina di Castello e la Ripa Maris rappresenta una delle parti più antiche della città.

Piazza delle Cinque Lampadi

Piazza delle Cinque Lampadi trae il nome dalle Cinque Lampade perennemente accese in onore alla Madonna raffigurata nel dipinto su ardesia del XVII sec., entro una cornice di marmo.

Pagina 3 di 3

Free Joomla! templates by Engine Templates

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.