Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

costruito tra il 1657 ed il 1665 su progetto dell’architetto Pietro Antonio Corradi per volere di Francesco Maria Balbi

 

Inserito il 13 luglio del 2006 nella lista tra i 42 palazzi iscritti ai Rolli di Genova divenuti in tale data Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO palazzo Francesco Maria Balbi Piovera,

conosciuto anche come palazzo Raggio, fu costruito tra il 1657 ed il 1665 su progetto dell’architetto Pietro Antonio Corradi per volere di Francesco Maria Balbi, finanziere e politico e componente di una famiglia molto influente nella Genova di quegli anni. Il palazzo subi profondi interventi di abbelliemto e decorazioni quando, nell’ottocento, fu acquistato da Marcello Luigi Durazzo che affidò i lavori all’architetto Nicolò Lavernada. Nel 1870 l’armatore Edilio Raggio acquistò la proprietà e decise di intervenire pesantemente, si affidò all’architetto Luigi Rovelli e fece demolire buona parte degli interni ridisegnandoli per ottenere nuove sale di rappresentanza e fece costruire un imponente scalone. Particolarmente interessante è l’affresco di Luigi Ganotti di una di queste sale che rappresenta l’attività mercantile della città e la decorazione della volta dello scalone che rappresenta opere celebrative della dinastia Sabauda eseguita da Cesare Viazzi.

Il palazzo oggi e sede della Facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Genova e si trova al civico n° 6 di Via Balbi

 

contentmap_plugin