Italian Italiano

Curiosità

 Foto di Paola Spinola

Curiosità su Genova

La storia secolare di Genova è ricca di vicende, aneddoti, curiosità e leggende che ci vengono tramandati da tempo immemore. Alcune storie ci raccontano un passato glorioso, altre appartengono a tempi più recenti, ma tutte fanno parte del nostro patrimonio culturale

Paola Spinola

La storia

Fondazione di Genova

Le più antiche tracce finora ritrovate nella zona della città riguardano un piccolo insediamento di epoca neolitica (nella zona di Brignole) nel V e IV millennio a.C., e sistemazioni dell'età del bronzo antico (un muro a secco di terrazzamento presso la foce del Bisagno)

Era la fine dell’ottocento quando un mercante genovese decide di portare in America un tessuto fino ad allora usato per teloni, sacchi o rudimentali .......

Blue Jeans

Era la fine dell’ottocento quando un mercante genovese decide di portare in America un tessuto fino ad allora usato per teloni, sacchi o rudimentali pantaloni da

In pochi, anche a Genova, sanno che alla base del campanile della nostra Cattedrale, lato di Via San Lorenzo,c’è un braccio.......

Il braccio di San Lorenzo

In pochi, anche a Genova, sanno che alla base del campanile della nostra Cattedrale, lato di Via San Lorenzo, c’è un braccio inciso nel marmo la cui mano regge una croce.

Genova 18 giugno 1914, in occasione dell' Esposizione Internazionale di Marina, fu inaugurata la “Monorotaia”, prima di questo genere realizzata in Italia.

Monorotaia

A Genova il 18 giugno 1914 fu inaugurata la “Monorotaia”, la prima di questo genere realizzata in Italia. Costruita in poco più di tre mesi in occasione della grande Esposizione Internazionale di Marina e Igiene Marinara.

Citazioni Famose

Quello che hanno detto personaggi famosi in transito a Genova

« Genova austera, vibrante, ampia! Luogo unico dai trecento ripiani a terrazza sul mare, ornata di parchi stupendi! Genova, dove i tramways sono gli ascensori! Le strade ed i quartieri, sovrapposti, si aggrovigliano, si superano, si ricongiungono, si dividono ancora ... »

Da allora voci e racconti riportano che in alcune notti si potrebbe incontrare il suo fantasma, testimoni riferiscono di aver notato la sua ombra allontanarsi furtiva .....

La leggenda del fantasma Branca Doria

Nobile genovese vissuto a cavallo tra il 200 e il 300, Branca Doria, fu un personaggio molto controverso, divenne governatore del giudicato di Logudoro, uno dei quattro giudicati in cui i Pisani avevano suddiviso la Sardegna dopo averla conquistata ai Saraceni, dopo aver assassinato a tradimento il suocero Michele Zanche “guadagna” anche un  posto nella Divina Commedia nel XXXIII canto dell'Inferno, nella terza zona del nono cerchio, e cioè nella Tolomea, dove sono puniti i traditori degli ospiti:

E’ però nel 1576 che vediamo nascere il gioco del lotto per  come lo conosciamo oggi, almeno per grosse linee, ed accade a Genova....

Il gioco del lotto

Il gioco del lotto non è altro che una particolare varietà di tantissimi giochi esercitati da antichi popoli: greci, egizi, babilonesi e romani. E’ però nel 1576 che vediamo nascere il gioco del lotto per  come lo conosciamo oggi, almeno per grosse linee, ed accade a Genova. Infatti tra centoventi nobili genovesi, che si distinguono per capacità ed esperienza, venivano estratti, due volte l'anno, cinque nominativi che subentravano ad altrettanti membri del Senato e del Consiglio dei Procuratori per i quali era scaduto il mandato elettorale.

La torre di San Donato fu testimone delle vicende del nobile Stefano Raggi, siamo nel 1650 e parliamo di un discendente dello  Stefano Raggi che.....

Il fantasma di Stefano Raggi

La torre di San Donato fu testimone delle vicende del nobile Stefano Raggi, siamo nel 1650 e parliamo di un discendente dello  Stefano Raggi che, nel 500, commissionò al fiammingo Joos van Cleeve lo splendido Trittico dell’Adorazione dei Magi, ancora oggi conservato in San Donato

Forse non tutti sanno che a Genova c’è una piazza che è rimasta senza nome fino a poco tempo fa,....

Piazza Don Andrea Gallo

Forse non tutti sanno che a Genova c’è una piazza che è rimasta senza nome fino a poco tempo fa, uno slargo degradato, dimenticato, addirittura senza pavimentazione, per molti è piazza Princesa, per via dei molti transessuali che la frequentano e si trova dietro alla Via del Campo cantata da Fabrizio De André, tra Vico Untoria e vico dei Fregoso.

Free Joomla! templates by Engine Templates

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.